Menu

News dal blog

Ecobonus 2019 e bonus ristrutturazione: cosa cambia

Ecobonus 2019 e bonus ristrutturazione: cosa cambia

Con l'approvazione della Legge di Bilancio vengono confermate le detrazioni fiscali Irpef per i lavori di efficientamento energetico su unità immobiliari e edifici residenziali esistenti avviati a partire dal 1° gennaio 2019 e vengono pertanto prorogate di un anno le attuali detrazioni fiscali del 65% e del 50% previste da Ecobonus e bonus ristrutturazione.

Le attuali condizioni di incentivazione del bonus ristrutturazione saranno prorogate anch'esse per tutto il 2019. A partire dal 21/11/2018 è inoltre attivo il nuovo portale sul sito ENEA per la trasmissione dei dati relativi agli interventi che danno accesso alle detrazioni fiscali Irpef del 50%, ovvero gli interventi di ristrutturazione edilizia finalizzati al risparmio energetico e/o all'utilizzo di energie rinnovabili la cui fine lavori ricade nell'anno solare 2018.

Il portale è accessibile attraverso il seguente indirizzo: http://ristrutturazioni2018.enea.it.

Le tipologie di interventi con obbligo di comunicazione ENEA
La trasmissione dei dati attraverso il portale è obbligatoria per le seguenti tipologie di interventi:

- Riduzione della trasmittanza delle strutture opache verticali, orizzontali e inclinate che delimitano gli ambienti riscaldati dall'esterno o da locali non riscaldati;
- Riduzione della trasmittanza di vetri e serramenti che delimitano gli ambienti riscaldati dall'esterno o da locali non riscaldati;
- Installazione di collettori solari termici, caldaie a condensazione, pompe di calore, sistemi ibridi pompa di calore con caldaia a condensazione, micro-cogeneratori, scalda-acqua a pompa di calore, generatori di calore a biomassa, pannelli fotovoltaici, sistemi di contabilizzazione del calore e sistemi di termoregolazione e building automation;
- Acquisto di grandi elettrodomestici in classe minima "A+" ("A" per i forni), contestualmente ad interventi di recupero del patrimonio edilizio iniziati a decorrere dal 1° gennaio 2017.

Le scadenze
Il termine per l'inserimento dei dati sul portale è di 90 giorni dalla data della fine dei lavori o del collaudo. Per tutti gli interventi la cui fine lavori è compresa tra il 1° gennaio 2018 e il 21 novembre 2018 il termine dei 90 giorni decorrerà a partire dal 21 novembre 2018.
La scadenza è stata poi prorogata al 21 febbraio.

La struttura del portale e le fasi di inserimento dati
L'inserimento dei dati nel portale si compone di 6 fasi distinte, nelle quali i campi evidenziati sono obbligatori (in giallo quelli ad inserimento libero e in verde quelli caratterizzati da menu a tendina) e quelli non evidenziati sono facoltativi.

- Fase 1: registrazione del nuovo utente o log-in utilizzando le credenziali di accesso valide per la trasmissione dei dati relativi agli interventi di riqualificazione energetica ai sensi della L. 296/06.
- Fase 2: inserimento dei dati anagrafici del beneficiario delle detrazioni fiscali.
- Fase 3: inserimento dei dati dell'immobile.
- Fase 4: scheda descrittiva degli interventi. In questa sezione sono presenti tutti i possibili interventi e andranno compilati solo quelli di interesse. Per gli interventi di riduzione della trasmittanza andranno compilati tanti campi quante sono le strutture oggetto di intervento.
- Fase 5: riepilogo dei dati inseriti.
- Fase 6: trasmissione finale dei dati.

La procedura si completa con la stampa del modello compilato, corredato dalla data di trasmissione e da un codice identificativo dell'avvenuta trasmissione.

Condividi il post

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori